tradurre

L’ombra delle parole e le traduzioni dei classici

Fabio Pedone Le traduzioni vivono in forme plurali. Non sono monocratiche né monolitiche. Si può sorridere se qualche versione di un’opera letteraria è definita “canonica” o “autorizzata”. Quando sento dire che i libri tradotti “invecchiano” perché “la lingua si evolve” penso sempre a quella diffrazione percettiva che ci coglie quando siamo seduti in treno, in …

L’ombra delle parole e le traduzioni dei classici Leggi altro »

BookMarchs, la parola ai traduttori fra miti, classici e libri per ragazzi

Dal 30 agosto al 1° settembre il prologo alla rassegna marchigiana. Aprono un evento dedicato a Medea, un omaggio al pittore Carlo Crivelli, il Mago di Oz riletto dai bambini. di SEVERINO COLOMBO L’idea alla base di BookMarchs – L’altra voce è semplice: parlare di libri attraverso i loro traduttori. La seconda edizione della manifestazione si svolge dal …

BookMarchs, la parola ai traduttori fra miti, classici e libri per ragazzi Leggi altro »

“Traduzioni pericolose”: i saggi di Vladimir Nabokov

di Redazione Il Libraio | 07.08.2019 Riuniti per la prima volta in volume da Mucchi Editore, Traduzioni pericolose – Scritti (1941-1969), i suoi saggi sul tradurre – alcuni dei quali ancora inediti in lingua italiana – propongono la visione estrema, intransigente e iconoclastica di uno dei più grandi e controversi autori del Novecento. Che cos’è la traduzione? La testa pallida …

“Traduzioni pericolose”: i saggi di Vladimir Nabokov Leggi altro »

Le prime traduzioni di Kafka in Italia

Tradurre un grande autore: le prime traduzioni di Kafka in Italia Per un’ipotetica storia delle traduzioni letterarie in Italia è senz’altro interessante indagare il caso Kafka. Lo scrittore boemo, infatti, è da considerarsi tra i maggiori della storia della letteratura mondiale. E tuttavia la fama straordinaria che lo accompagna è successiva alla sua morte. Kafka: la vita e …

Le prime traduzioni di Kafka in Italia Leggi altro »

Tradurre le lingue straniere in dialetto? Può diventare un gioco

In un incontro sulle Parole mancanti, un’iniziativa dell’associazione di traduttori StradeLab presentata nell’ultima edizione di Più libri più liberi (Roma, 5-9 dicembre 2018), lanciai l’idea di coinvolgere, nella traduzione di parole apparentemente intraducibili provenienti dalle più diverse lingue, i nostri dialetti. Una traduttrice,Andreina Lombardi, rispose volentieri al mio stimolo e propose, a traduzione di aftselakhis (yiddish), il napoletano cazzimma. Rilancio ora qui quell’iniziativa, di …

Tradurre le lingue straniere in dialetto? Può diventare un gioco Leggi altro »

Mi oppongo, vostro onore! (ovvero, perché non mi vergogno di tradurre bestseller)

Qualche giorno fa, parlando con una collega, ci siamo trovate immerse in una discussione vecchia come il cucco: la collega raccontava di un messaggio in cui si era imbattuta in non so quale social. Nel messaggio, un giovane aspirante traduttore sosteneva che fosse inutile cercare di diventare traduttori editoriali, perché tanto il mercato della traduzione è marcio …

Mi oppongo, vostro onore! (ovvero, perché non mi vergogno di tradurre bestseller) Leggi altro »

Tradurre o l’incontro tra culture

Impegnarsi a “cercare verso la civiltà le possibili vie di un ritorno alla politica, che la maggior parte delle società contemporanee sono venute a mancare, denunciare l’essenzializzazione delle culture, l’etnicizzazione e la comunitarizzazione della politica”. […], non si tratta forse di un obiettivo mobilitante per un’ambizione profondamente umanistica? La traduzione è una delle condizioni (necessarie ma non …

Tradurre o l’incontro tra culture Leggi altro »

Come gestire una terza lingua in un testo

Cosa succede se traducendo un testo da una lingua A a una lingua B, notiamo che il testo di partenza è fortemente condizionato anche da una terza lingua C? Come ci comportiamo? Ovviamente ogni caso è sui generis, quindi mi soffermerei su un esempio in particolare. Mi è capitato di tradurre per una ricerca parte di un libro …

Come gestire una terza lingua in un testo Leggi altro »

7 differenze tra professionisti e dilettanti

Specializzazione. Un professionista ha un raggio d’azione ristretto: ciò gli permette di approfondire costantemente le proprie conoscenzee di concentrarsi sull’obiettivo. Trattare dieci argomenti non correlati fra loro significa non acquisire una reale competenza in nessuno di essi. Accuratezza. Un professionista traduce il senso, non le parole: non ha alcuna paura di trasformare una costruzionenegativa in affermativa,unire frasi …

7 differenze tra professionisti e dilettanti Leggi altro »

Traduzioni un tanto al chilo

Di Chiara La triste storia che voglio raccontarvi oggi risale a qualche anno fa, quando ho deciso di ricominciare a tradurre a tempo pieno da freelance (ho usato “tradurre” e “tempo pieno” nella stessa frase, non sentite le grasse risate del pubblico in sottofondo?). Completamente a digiuno di qualsiasi nozione di personal branding, self-marketing e soprattutto senza alcuna …

Traduzioni un tanto al chilo Leggi altro »